DAL GIORNALE — 15 marzo 2016

fmarzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come miscelare crescita, reddito e stabilità nei prodotti d’investimento? F ne ha parlato con Francesca Martignoni, Country Head Italy di Fidelity International

Qual è la lettura che Fidelity propone dell’attuale fase di mercato? Cosa dicono i primi mesi dell’anno agli investitori e cosa aspettarsi per la restante parte del 2016?

E’ stato un inizio d’anno quanto meno “interessante”.
Abbiamo visto all’opera sui mercati finanziari forze che hanno a che fare sia con lo scenario macro, quali i fondi sovrani dei Paesi produttori di petrolio che sono diventati venditori ‘forzati’ per fare fronte ai loro impegni,
sia con la finanza comportamentale, riconducibile ad un crescente desiderio di stabilità da
parte degli investitori. Ci sono sicuramente fattori che frenano la velocità della ripresa,
quali ad esempio il prezzo del petrolio, l’instabilità geopolitica o il rallentamento della
crescita cinese a favore di una sua maggiore qualità. Questi fattori potrebbero alimentare
nuove ondate di volatilità, anche nel breve periodo. A nostro parere, però, il contesto
macroeconomico presenta dinamiche comprensibili, ancorché non sempre gradite agli
investitori, e resta complessivamente ancora favorevole agli asset più dinamici, considerate
le valutazioni dei mercati azionari e il valore che si può trovare nell’obbligazionario a spread,
in particolare nell’High Yield europeo. In questa fase si possono trovare buone opportunità
nei Paesi sviluppati, soprattutto Europa

…………….

(Continua a leggere su F Marzo in edicola)

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
F Marzo 2016: DALLE ESIGENZE ALLE SOLUZIONI, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Share

About Author

Redazione Finanza.com

(0) Readers Comments

Lascia un commento