SOLO SUL WEB — 09 aprile 2014

Fatti i conti, sembra che la recente debolezza US sia da attribuire ad un repricing dell’azionario alla vigilia di una delle earning seasons dalle stime più basse del recente passato. Secondo quanto riportato da Factset ben 93 aziende dell’S&P 500 hanno emesso guidance negativa sul primo trimestre, contro appena 18 che la hanno emessa positiva, un ratio dell’ 84%, secondo solo al 85% segnato, guarda caso, lo scorso trimestre (NB: la serie è partita nel 2006).

Il ridimensionamento delle stime, per permettere alle aziende di batterle agevolmente è ormai consuetudine. Peraltro negli ultimi 3 anni il taglio medio è stato del 3/4% contro il 5.3% di questo trimestre. Deutsche Bank ( che si attende comunque EPS aggregati 3-5% oltre le stime) osserva che l’attuale consenso implica una crescita degli earnings anno su anno addirittura nulla.
Il che non è il massimo, in considerazione della multiple expansion che ha caratterizzato l’intero 2013.

Il concetto è ben rappresentato dal grafico sottostante (fonte Citigroup) in cui si evidenzia la recente divergenza tra la direzione delle guidance (con una percentuale di prevalenza delle negative tra il 20 e il 40% nell’ultimo anno) e la successiva performance a 6 mesi dell’indice S&P, rimasta positiva per tutto il periodo.

 

Su queste basi non è cosi sorprendente l’attacco d’ansia che ha preso Wall Street negli ultimi giorni, e il fatto che i titoli “growth” e quelli con Price/earning elevato soffrono particolarmente.

Probabilmente ci vorrà una o 2 settimane per capire che aria tira con gli earnings, e quindi questo fattore di volatilità è destinato ad accompagnarci nei prossimi giorni.
In generale, su questi livelli, mi pare di poter dire che gli indici USA prezzano uno scenario, se non ottimistico, per lo meno ottimista.

Tratto dal commento giornaliero ai mercati finanziari di Giuseppe Sersale, strategist di Anthilia Capital Partners Sgr

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.7/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Wall Street in ansia da trimestrali: ecco cosa si aspettano gli analisti, 7.7 out of 10 based on 3 ratings

Share

About Author

Redazione Finanza.com

(0) Readers Comments

Lascia una risposta