FONDI & C — 18 settembre 2013

AllianceBernstein ha siglato in Italia un accordo con Skandia Vita, appartenente a un gruppo attivo nel segmento unit linked, con una piattaforma di investimento utilizzata da 25 reti di promotori finanziari, 15 banche territoriali e una serie di broker e agenti assicurativi.

Secondo l’accordo, i fondi di AllianceBernstein saranno disponibili tramite Skandia Vita. Tra i prodotti a reddito fisso, alternativi e multi asset, sono inclusi il premiato Global High Yielde l’Emerging Market Debt.

Massimo Dalla Vedova, director financial institutions di AllianceBernstein commenta: “L’accordo con Skandia Vita rientra nella strategia di rafforzare la nostra presenza sul mercato retail dove gli investitori sono sempre più alla ricerca di opportunità di investimento globali e i nostri fondi, che hanno ricevuto importanti riconoscimenti in virtù di comprovati track record in tutti i cicli di mercato, sono in grado di rispondere a queste esigenze. Essere entrati a far parte della piattaforma Skandia offre ai consulenti finanziari un altro importante canale di accesso ai nostri fondi per i propri clienti, soprattutto per coloro che desiderano includerli all’interno di portafogli unit linked.

Alessandro Simonini, responsabile investimenti di Skandia Vita, ha dichiarato: “Crediamo che una ricerca attenta, una rigorosa selezione di nuove idee di investimento e stili di gestione vincenti siano la chiave per fornire un’offerta che sia leader di mercato. E’ per questa ragione che monitoriamo costantemente tutti i fondi disponibili per dare ai nostri clienti la flessibilità necessarie per la costruzione di un portafoglio personalizzato. L’accordo con AllianceBernstein ci permette di offrire nuove opportunità di diversificazione all’interno della nostra piattaforma e rispondere al meglio alle esigenze dei nostri clienti”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Accordo tra AllianceBernstein e Skandia Vita, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Share

About Author

Redazione Finanza.com

(0) Readers Comments

Lascia una risposta