CONSULENTI — 09 aprile 2013

Lo sviluppo della rete è uno dei punti chiave nella strategia di Banca Generali che ha in programma un piano di innovazione dei servizi ai consulenti con l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia

Banca Generali prepara l’evoluzione della promozione finanziaria. Un passo naturale dato che ormai le competenze offerte dai consulenti della banca triestina non si limitano al collocamento di prodotti finanziari ma riguardano un’ampia sfera di servizi. Le reti Banca Generali, pur avendo solamente una decina d’anni di storia, si collocano ai vertici del settore per portafoglio pro-capite medio (18 milioni di euro contro una media Assoreti di 11,7 milioni) e anche in termini di raccolta pro-capite nel 2012 si è distinta con 1,1 milioni di media per consulente contro una media di 478 mila euro. La riqualificazione partita alcuni anni fa, che ha portato gradualmente allo snellimento della struttura guidata da Piermario Motta intorno a figure di alto profilo, segna ora un ulteriore passo in avanti con un piano incentrato sulle figure dei professionisti e sulle opportunità derivanti dal potenziamento dei servizi alla clientela.

 

Scopri nell’articolo integrale pubblicato su F di aprile:

– Al via i Financial Planner di Banca Generali

– La rivoluzione della firma digitale su tablet

– La novità del servizio di analisi

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Innovazione e tecnologia al servizio di Banca Generali, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Share

About Author

Redazione Finanza.com

(0) Readers Comments

Lascia un commento